Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



venerdì, luglio 22, 2005

Con quella faccia un po' così che abbiamo noi che tifiamo Adam Clayton

A me degli U2 non me ne frega niente.
O meglio: a me degli U2 non me ne frega niente, da un po' di tempo a questa parte.

Prima sì. Lo ammetto.
Ed è per questo che la notizia di un loro concerto a Roma non mi ha minimamente toccato:
li ho visti suonare quando valeva la pena. Che me ne frega di vederli adesso, bolsi, appesantiti e musicalmente alla frutta?

Non me ne frega niente. Appunto.

Poi però succede che da tre giorni a questa parte sento solo parlare di quanto dovrebbe essere bello 'sto concerto, della scaletta, delle settantamila persone di San Siro, dei "romani" in fila davanti ai cancelli dalle sette del mattino, di Bono che si fa fare i giubotti di pelle a Carpi, del telegiornale che fa sentire I Will Follow, di quanto suona bene The Edge e di quanto canta ancora bene Bono Vox.
Sento tutti questi discorsi e penso che un po' di voglia di vederli, ora come ora, ce l'ho anche io.
Che un concerto degli U2 fuori forma è comunque sempre meglio di una canzone di Kelly Osbourne sentita alla radio. Che per sentire Bad dal vivo cinquanta euro(s) sono giusti e che se ci fossero ancora biglietti (e dal cielo piovessero denari)...

Poi mi arriva un messaggio della Telecom: "U2: ieri secondo concerto a Milano. No di Bono al terrorismo".
Mi arriva un messaggio della Telecom e penso che: fanculo a quanto dovrebbe essere bello 'sto concerto, alla scaletta, alle settantamila persone di San Siro, ai "romani" in fila davanti ai cancelli dalle sette del mattino, a Bono che si fa fare i giubotti di pelle a Carpi, al telegiornale che fa sentire I Will Follow, a quanto suona bene The Edge e quanto canta ancora bene Bono Vox.

Io domani sera sto a casa. E non ho rimpianti.
Neanche un po'.

7 Comments:

Anonymous boss said...

che poi cosa si fa fare sti giubbotti con sto caldo...

12:54 PM  
Anonymous Anonimo said...

U2 per piacere..
Meglio Repetto a'sto punto..

2:24 PM  
Anonymous Niccolo' I&I said...

Ma che vada a sminare in Bosnia, Bono Vox, anziche' disintegrare la nerchia (reale o metaforica) al mondo intero!

5:53 PM  
Anonymous Book House Boys said...

l'ho sempre detto che Adam Clayton era il pezzo meglio. "sai che cazzo me ne frega" e' la sua espressione tipica.....

7:12 PM  
Anonymous Anonimo said...

ho letto la lettera di ferretti.. sei un genio! ti linko.. marco
trecroci.splinder.com

12:42 PM  
Anonymous Anonimo said...

"di quanto suona bene The Edge"?
Ma allora non hanno sentito Ghigo Renzulli questi quà...quello si che è un fuoriclasse. Non quello scoppiato di Edge col delay sempre a manetta. Sempre lo stesso suono. Da 20 anni. Come Santana.
CHEPALLE!
PRESIDENTE

5:55 PM  
Anonymous Valido said...

Ah no Carpi? :)

5:55 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale