Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



venerdì, ottobre 07, 2005

Uno scatolone a forma di stereo (tipo che mi sono accorto che mancava il titolo e allora ce l'ho messo con due giorni di ritardo forse pure tre)

Stavo cercando una canzone adatta per fare un trasloco.
Ma è difficile, difficilissimo.
Ho messo su un disco che non avevo mai sentito, “Bring Back The Buffalo” dei Bring Back The Buffalo, ma non funziona.
Indietronico e tedesco. Roba da piangere, insomma.
Roba che se fissi le pareti azzurrine piene di buchi ti viene un magone grosso come una casa- no, le case non le voglio nominare- grosso come un deltoide di Batista.
Ecco, meglio.
Ho una storia per ognuno di quei buchi. Buchi da puntina da disegno.
Il primo manifesto che ho attaccato è stato quello di Jon Spencer.
Live a Milano 1999. Ovviamente non c’ero a quel concerto, sono andato in una prevendita, ho messo una firmetta dietro (in uno degli angolini), e quando le pareti bianche da stuccare della mia stanza sono diventate pareti stuccate male ma dipinte d’azzurro male, sono andato a prenderlo.
Il secondo poster l’ho messo in corridoio.
Un disegno di Andrea Pazienza. Me l’ha venduto Marina, la moglie.
Quando l’ho comprato sapevo che da lì in poi sarebbe sempre stato con me.
Ci sarà anche nella nuova casa.

Cambio disco. La catena di Gesù e Maria, “The Singles Collection”.
Che non sarà adatto neanche, ma almeno mi tiene compagnia.
“Psychocandy” lo comprai nel negozio all’angolo, il giorno dopo il mio primo giorno.
Corsi e ricorsi… meglio toglierlo.
E allora: Amandine – “This Is Where Our Hearts Collide”, un disco che se lo metti su iTunes viene fuori che è “unclassifiable”. A me sembra bello come solo Iron and Wine, ma più svedese. Un’altra cosa triste, insomma.
Sono della Fat Cat, come l’adesivo che era sulla porta ed ora sta sul computer. Che attaccarci un pezzo di maniglia era complicato. Molto.
Levo anche loro, che proprio non ce la faccio.
Niente musica, cazzo. Metto un film!
Un film come sottofondo non si è mi sentito, ma ci provo lo stesso.
No, meglio di no. Cambio ancora.
E se per una volta scegliessi il silenzio?

L'unica cosa che cambio davvero è la casa.
Ed ora: quando facciamo la festa?
No perché avrei un'idea sulle canzoni da ascoltare...

5 Comments:

Blogger magomarcelo said...

c'era una volta: http://magomarcelo.blogspot.com/2004/02/colonna-sonora-di-un-trasloco.html

9:03 PM  
Anonymous pl2 said...

festa! festa! festa!

6:43 PM  
Anonymous sarak said...

ahhh... Colas nella sua nuova casetta!!!
Secondo me per un incasinatissimo trasloco, dove tutto è parato alla zingaresca, ci vorrebbe un po' di Goran Bregovich... che ti farebbe sentire un po' gattonerogattobianco underground.

1:17 AM  
Anonymous Achille said...

Tieni un posto in playlist, che se m'inviti porto un certo disco di elio e le storie tese che ti dovrei restituire (Dio, che vergogna).

11:35 AM  
Blogger colas said...

achill, tranquillo.
Me lo ridarai, no?
quello è l'importante.

Festa: qualcosa si dovrà pur farla!:D

Sarak: in questi giorni sono piuttosto in autunno mood... ma è un bel consiglio

1:32 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale