Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



lunedì, novembre 07, 2005

Take XTC with me

Ascoltare un disco in versione demo, dopo che lo si è consumato per tanto tempo in versione “ufficiale”, è come andare a letto con quella che per anni è stata la tua migliore amica.
E anche se al letto con le amiche sarebbe meglio non andarci mai, sappiamo tutti quanto sia difficile resistere al fascino dell'atto in sé.
Perché non c'è niente da fare: conosci una persona, la conosci meglio e poi ancora un po' di più, le dici tutto quello che nessuno sa di te ed apprendi tutto quello che nessuno sa di lei.
Ma proprio tutto.
Tipo che: nessuno sa che quella volta al pub, da ubriaca, si era fatta mettere le mani nelle mutande da coso, ma tu sì. E anche coso, certo. E anche lei, ma anche tu. Ed è del "ma anche tu" che ti importa. Della sensazione di far parte di quel club esclusivo delle persone che "sanno". Dei confidenti.
E ti illudi che lei per te sia un libro aperto, che tutti gli spigoli del suo carattare davanti a te si smussino e diventino cerchi.
Cerchi di cui tieni in mano i raggi. Tu i raggi e lei il P Greco.
Roba che messi insieme e diviso due, siete gli unici in grado di calcolare l'area.

Ma una sera le cose vanno in un modo strano. Siete su un divano, guardate un film con Johnny Depp, parlate, scherzate... vi baciate.
Tutto come al solito, tranne l'ultima. E l'ultima è quella che conta, quella che spinge ad andare avanti, che non vi fa fermare, che vi riduce nudi e che cambia tutto.
Proprio quel tutto di cui vi ritenevate dominatori assoluti.
E si scoprono pregi nuovi, ma anche difetti, si diventa intimi sul serio dove prima si era intimi di brutto. Intimi di un'intimità che non fa bene, che pesca nella memoria e che trasforma tutto quello che problema non era in problema enorme.
E diventa difficile trovare il coraggio di riguardarsi negli occhi, di far tornare tutto come prima, di essere di nuovo un cerchio con i raggi.
Si diventa quadrati. Quadrati senza base e né altezza.
Oppure si diventa due cerchi uniti. Un insieme, insomma.

Con le versioni demo dei dischi che più si apprezzano è esattamente la stessa cosa. Quando va bene, le grandi infatuazioni diventano grandi amori, quando va male...
Conosco persone in grado di scrivere tesi di laurea sulle session di registrazione di "Funhouse", altre che hanno tutte le take di Strawberry Fields Forever e sono in grado di riconoscere anche le più impercettibili differenza tra l'una e l'altra.
Conosco gente che ha speso intere giornate per scaricarsi i demo di tutte le canzoni dei Modest Mouse e ne conosco altra che giurerebbe davanti a Dio che le versioni primordiali dei pezzi di "Yankee Hotel Foxtrot" siano meglio di quelle poi finite nel disco vero.
E non è detto che abbiano tutti i torti.
Sono migliori in un modo diverso, quel modo che ha l'opera quando non è definitiva. Quando dà la sensazione di addentrarsi in un processo creativo e di farne parte, di essere lì mentre le cose stanno ancora per succedere e non arrivare dopo, quando è tutto finito.
Fissato su nastro. Letteralmente.
Un po' come vedere un bambino diventare grande giorno dopo giorno.
Ecco Perfect Day che è solo un abbozzo alla chitarra, ed eccola di nuovo che è una canzone con il pianoforte ed alla fine un pezzo con l'orchestra e tutto.
Eri lì quando spegneva la prima candelina e quando levava le rotelline dalla bicicletta.
Quando perdeva la verginità, e quando firmava le carte del divorzio.
Eri lì e lei era con te. Tua quasi più che del suo autore.
Non so se queste immagini siano fioccate anche nelle teste di Partridge e Moulding (sì, gli XTC) il giorno in cui hanno deciso di pubblicare i demo di "Apple Venus" e "Wasp Star".
E non so se siano tornate alla mente quando hanno deciso di metterle insieme ai dischi "veri" e confezionarle in un unico, enorme, cofanetto.
Un po' come vedere la fidanzata e la migliore amica sedute l’una di fianco l’altra, e sapere benissimo che si tratta della stessa persona. Anche se un po’ diversa.
Un po’ come intrufolarsi di nascosto nella sua camera e scovare il “diario segreto”.
Un po’ come leggerlo.
Una cosa che non si dovrebbe fare mai, ma che regala una sensazione impagabile.
La sensazione dell’ “esserci”.
Dello stare lì mentre le cose succedono.
Con Partridge, in cucina con tastiere e quattropiste, oppure in camera da letto con chitarra e walkman… in soggiorno, seduto al pianoforte.
Lì, come un guardone qualsiasi, ma meglio.
Molto.

20 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Ma come fai a sapere tutto di Paolini eccetera e sbagliare i titoli dei Beatles?

Datti al trash, peracottaro!

11:06 AM  
Blogger colas said...

OOOOOOHHHHHHHHHHHHHhh.

mi tremano le ginocchiette!
Meno male che ci sei tu, meno male

11:13 AM  
Blogger colas said...

eccerto, merito schiaffi per uno spazio in più.
Sono ignorante per uno spazio in più.
Meno male che il mondo è pieno di geni ed insegnanti

11:17 AM  
Anonymous Anonimo said...

Egregio Sig, Colas,

Gia' da tempo lei, con i suoi articoletti svogliati da colonnista de 'Le Ore', rende la vita e lo scorrere del tempo presso il mio amato circoletto dei canottieri di Belluno, un vero spasso.

La invito ufficialmente a finirla qui, con le sue quanto mai retoriche sbavature sintattiche, per altro pagate, anzi Prezzolate, da una certa sinistra traffichina e vogliosa di potere: Se questo, e Lei nel particolare, deve essere il risultato delle prossime elezioni politiche, allora questo paese sta andando veramente a rotoli, processo individuabile particolarmente nelle cariche piu' alte dello stato, che, di fronte a questo scempio propagandista quale il suo Blog, ancora non favoriscono la forgiatura di un corpo di Polizia Politica.

Una sola parola: VERGOGNA!

Suo

Ugo Francicanao

12:35 PM  
Anonymous Anonimo said...

"pochi cazzi", si dice da qualche parte nel Friuli: Strawberry Fields Forever si scrive così e basta.

sbagliare a scrivere un titolo di un bezzo dei Beatles è come per un presunto appassionato di letteratura dire 'Osso di Seppia' riferendosi a Montale. ammetto l'errore pacchianissimo e vergognati un pò in umiltà, una volta tanto. sono i Beatles, non si può su! un imbarazzato suo-malgrado-lettore

1:11 PM  
Anonymous LaGiulia said...

Fa piacere vedere che l'istruita gioventù italiota riesce ad interrompere le proprie sessioni masturbatorie per lasciare commenti in cui rimprovera l'autore del post per un refuso, e contemporaneamente riesce a scrivere "pò" e "bezzo".

Sarebbe stato meglio se avesse continuato a masturbarsi, la gioventù italiota. Ci avrebbe fatto una figura migliore. Ma tanto, da anonimi si può scrivere qualsiasi cosa. Mica ci si mette la faccia.

1:28 PM  
Anonymous Serena said...

Pensa che io questo blog me lo leggo da quando beccai tra i vari "articoletti svogliati da colonnista de 'Le Ore'" un post su franco scoglio, che ti devo dire, forse mi pioacciono le "retoriche sbavature sintattiche".

1:59 PM  
Blogger BloggoIntestinale said...

Avanti così Colas!!

2:04 PM  
Blogger colas said...

ci metterei la firma per fare il columnista di "le Ore".
Questo lo volevo dire.
Ecco.

2:06 PM  
Anonymous subliminalpop said...

grasse risate !! e non per il refuso...

2:51 PM  
Anonymous Anonimo said...

oddio, mica fa ridere!

5:23 PM  
Anonymous Anonimo said...

Lagiulia dev'essere tipo la mamma o la ragazza, gli altri dei leccapiedi a caso. complimenti, e come ti ha detto uno dei suddetti: avanti così, coglione!

Per Lagiulia: cercati cosa è un refuso sul dizionario, e carpiscine il significato. questo è piuttosto un errore drammatico, stiam parlando dei beatles, e si potrebbe fare umile ammenda come soli i grandi, e invece ''colas'' niente, come i piccoli.

5:52 PM  
Anonymous Anonimo said...

parlo per me:
non sono il tirapiedi di nessuno, ma mi sembra che dietro il tuo anonimato si nasconda qualcuno con il sederino un po' bruciacchiato.
Altrimenti non esiste spiegazione visti gli insulti e il patetico commento qui sopra.
Ora: io leggo questo blog perché mi piace e mi diverte, tu lo leggi tuo malgrado.
Bene, non leggerlo più e levati dal cazzo.
grazie
m/v

6:09 PM  
Anonymous Anonimo said...

La cosa triste in tutto questo è che il post è bello, e nessuno ne parla perché tutti rispondono a un cretino ossessionato da uno spazio in più.
Un po' come se in Parlamento si fermasse tutto per ascoltare le sparate di Calderoli.
Che effettivamente...

6:18 PM  
Anonymous thebig said...

"Un po' come vedere la fidanzata e la migliore amica sedute l’una di fianco l’altra, e sapere benissimo che si tratta della stessa persona. Anche se un po’ diversa.
Un po’ come intrufolarsi di nascosto nella sua camera e scovare il “diario segreto”.
Un po’ come leggerlo.
Una cosa che non si dovrebbe fare mai, ma che regala una sensazione impagabile.
La sensazione dell’ “esserci”."
Colas ti volevo fare i complimenti per questo periodo che è semplicemente bellissimo.
Gli stronzi nella vita ce ne sono tanti. C'è chi si alza la mattina solo per venirti a rompere i coglioni. Mi meraviglia (in positivo) che tu tenga questi commenti così insignificanti e così inutili.
Io ti leggo e ammiro la tua grande cultura musicale.
Non ti curar di loro ma guarda e passa (mi sembra che era così o no???).
Ciao vado a vedere Frosinone Perugia.
thebig

8:16 PM  
Blogger TS said...

Molti nemici, molto odore!

8:42 PM  
Anonymous pl2 said...

volevo scrivere che era il primo post logorroico del colas che leggevo con interesse ma siccome tutti lo insultano io non sarò da meno: "ah stronzooo!"

4:08 AM  
Anonymous andrea said...

Il post in questione è una prova d'imperizia letteraria senza pari, basato com'è su un'inversione logica che non sarebbe sfuggita a uno scolaretto di terza elementare. nel caso dei demo di Apple Venus, è come leggere a posteriori il diario della tua ragazza, scoprendo la sua vita passata. Di una della quale sai già tutto, che cazzo devi leggere? Se sei in sala di registrazione con Beatles e Stooges, cosa mai aggiungono le registrazioni alla tua conoscenza? E soprattutto, l'amore per i nostri dischi del cuore è quasi sempre un colpo di fulmine, un segno indelebile al primo ascolto, una folgorazione ancor prima di aver saputo tutto di ciò che stiamo ascoltando. Cosa ben diversa è mettersi con una alla fine di una noiosa serata davanti alla tv, dopo che se la seono già ravanata tutti (e tu lo sai pure)

11:49 AM  
Blogger BloggoIntestinale said...

Avanti così Colas, coglione sarà quel leccapiedi di Buttiglione che viene a impestare di commenti allucinanti questo blog

1:55 PM  
Anonymous stone said...

nonholettotutto...comunquel'ideadifarel'amoreconun'amicanonènientemale...

8:25 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale