Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



martedì, aprile 04, 2006

Io che non sono un cantautore


Adam Green fa dischi con la stessa velocità con cui i politici della campagna elettorale fanno promesse.
Ogni suo album è come un cambio di posizione su una sedia, un dito puntato, un sorriso forzato ed un ammiccamento carpiato.
"Sì, avete capito bene. Jacket Full Of Danger".
Il quarto disco solista. In quattro anni.
Esattamente come i politici della campagna elettorale tende a spararle un po' grosse.
"Un milione di nuovi Johnny Cash", "Più folk per tutti", "Meno Jessica Simpson".
Ed ogni tanto è bravo anche a fartele credere.
"Friends of Mine", per esempio. Il suo contratto con gli indienauti.
Folk, marcette, chitarra acustica, batteria, violino e Fender Rhodes.
E la voce. La voce di un ventenne con le corde vocali del grande classico.
Un capolavoro. Il nuovo miracolo americano.
Esattamente come era stata convincente la discesa in campo di "Garfield", un discorso alla nazione fatto di scricchiolamenti, cigolii ed incertezza affascinante.
Poi è arrivato il turno di "Gemstones". La risposta alla crisi economica.
La manovrina che costringe il popolo a tirare la cinghia, ma che al tempo stesso riesce a mantenere viva la fiducia. Che in un certo senso anche quel programma di governo aveva i suoi spunti interessanti.
Ed ora "Jacket Full of Danger". Quindici canzoni. Una cover dei Beat Happening.
Qualche melodia che ti rimane attaccata addosso e poco altro.
In compenso: tanta demagogia degli arrangiamenti e riciclo forsennato di forme altrui.
Un passo falso.

Avrebbe bisogno di un po' di pausa, Adam Green. Di un po' di mesi in barca lontano dalla musica e da tutto il resto. Dovrebbe lasciare il campo ai suoi alleati e nel frattempo ritagliarsi un po' di tempo per scrivere il capolavoro che tutti stanno aspettando.

E continueremo ad aspettarlo, in attesa di una nuova campagna elettorale.


Adam Green è in Italia per due concerti. Mercoledì a Roma (al Circolo degli Artisti) e giovedì a Milano. Nel frattempo (domani alle 14e50) suonerà un paio di canzoni e chiacchiererà con Giulia in una nuova puntata di Larsen (eccezionalmente anticipata al mercoledì).
Visibile come sempre in streaming (
qui).

2 Comments:

Blogger Bravo said...

a volte mi sembra la re-incarnazione più maldestra e cazzona di ryan adams...





...e in effetti sembra avviato sulla stessa strada

8:42 PM  
Blogger colas said...

no, dai. Alla fine è meno eclettico e si prende molto meno sul serio.
Il suo destino è Jonathan Richman

11:55 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale