Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



martedì, giugno 20, 2006

C'era un tempo. Le grandi chicche di [indiessolvenza]

C'era un tempo in cui in Italia si vendevano tanti dischi.
Tanti. Tantissimi.
Un tempo in cui andavano di moda i jukebox e le radio, quelle grandi, piuttosto che limitarsi a mandare in onda solo i singoli imposti dalle case discografiche avevano una vera e propria valenza sociale trasmettendo e propagandando musica altrimenti irriperibile.
C'era un tempo in cui l'Italia veniva considerato un "mercato in espansione".
Un luogo su cui insistere per far affermare artisti utilizzando le più disparate tecniche promozionali.

Era usanza del beat all'italiana quella di tirar su gruppetti che si appropriassero in un modo nell'altro di brani famosi all'estero e ne riproponessero la loro edulcorata versione.
Il passo successivo fu quello di convicere gli stessi musicisti a ricantare le loro hit in una lingua diversa dalla loro.
Capitò così che As Tears Go By divenne Con le mie lacrime.
Il testo in inglese fu tradotto quasi letteralmente in italiano e Mick Jagger si cimentò con una performance nella nostra lingua quantomeno bizarra.
Fu un successo. Tanto che ci presero la mano.
Nel 1970 qualcuno diede a Mogol il compito di riscrivere Space Oddity.
Mogol lo fece, presentando un testo ex novo.
Bowie lo ricantò.
Ragazzo solo, ragazza sola non ebbe grandi riscontri qui da noi.
Forse perché l'accento italiano di Bowie rasenta la comicità involontaria.
Forse perché il testo di Mogol rasenta la comicità involontaria.
Forse perché Space Oddity era perfetta così.
Forse perché doveva andare così ed io, trentasei anni dopo, dovevo scriverci un post sopra.

Questa è la canzone. Giudicate voi.


C'era un tempo in cui in Italia si vendevano tanti dischi e gli artisti internazionali venivano costretti a cantare i loro successi anche in italiano.
A pensarci bene l'hanno fatto anche i Blue e i Backstreet Boys...
ma questa è un'altra storia.

13 Comments:

Anonymous disorder said...

Io non tralascerei Ciao Ciao di Petula Clark (Downtown).

5:24 PM  
Anonymous Strueia said...

Io non lo leggo più il tuo blog...si...perchè dopo ho il 56k e non posso ascoltare queste chicche...!!!
La classe proletaria del 56k si ribellerà !

7:12 PM  
Anonymous disorder said...

Dial-uppers of the world unite and take over :)

7:25 PM  
Blogger colas said...

strueia, ti farò un cd!

7:40 PM  
Anonymous Anonimo said...

ne ho a centinaia di quei dischi!
e non posso nemmeno ascoltarli. :(

8:01 PM  
Anonymous stone said...

poi arrivarono gli mp3

10:58 PM  
Anonymous Anonimo said...

non ci crederai, ma mi hai fatto quasi piangere...
mia madre cantava questa canzone quando ero piccola (sbagliando meta' delle parole, come faceva sempre, quindi anche lei era involontariamente comica)...
un saluto da Tokyo
E.

8:23 AM  
Blogger sadpandas said...

La versione è imperdibile/terribile. Sto cercando di immaginare Mogol che spiega a Bowie come cantare il testo (anche se è molto più probabile che glielo abbia chiesto Sua Maestà Battisti, vista l'amicizia).
"Se ti serve la mia mano per nuotare/grazie ma 'stasera io vorrei morire"
Planetario.

(Fossi in te, il commento qua sopra lo stamperei e lo incornicierei. Sul serio)

12:57 PM  
Blogger colas said...

eh, è che non so mai rispondere a cose del genere.
Sono timido, m'imbarazzo, faccio finta di non pensarci. Altrimenti mi monto la testa e mi credo il capo del mondo!

Battisti amico di Bowie?

1:06 PM  
Anonymous sarak said...

C'era un tempo in cui Luis Armstrong canatava la canzoncina italiana al Festival di Sanremo!!!
C'era un Festival di Sanremo in cui artisti stranieri ricantavano nella loro lingua la stessa canzone italiana dei cantanti in gara: vinsero i POOH con "Uomini soli" cantata in english da Dee Dee Bridgewater

1:31 PM  
Blogger sadpandas said...

Sua Maestà ha conosciuto Bowie a Londra, ebbene sì. Se non ricordo male, durante lo stesso viaggio, conobbe anche gli Zeppelin, che chiesero di lui dopo aver ascoltato "Le Tre Verità".

2:01 PM  
Anonymous Anonimo said...

Immagino tu ti renda conto di essere ora moralmente obbligato a postare anche "Corri Uomo Corri" cantata dai Giganti...

10:38 PM  
Blogger Enver said...

la posto io...
http://rapidshare.de/files/23727105/Giganti-Corri_Uomo_Corri-Space_Oddity.mp3.html

11:17 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale