Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



mercoledì, giugno 14, 2006

Ira Kaplan ha contato fino ad infinito. Due volte.

Un post sugli Yo La Tengo richiederebbe troppo sforzo e fatica.
E' difficile mettere in ordine la carriera e la storia di un gruppo che partendo dal bassissimo ha finito per segnare in maniera indelebile la musica dell'ultimo ventennio.
Ci sono cose che non si possono raccontare con poche parole, cose che hanno bisogno di tempo, di calma, di serietà e leggerezza.
Esattamente come la musica del trio, sempre in bilico tra carezze e graffi.
Sempre in punta di piedi.
Senza porsi il problema di osare, sperimentare e di "tornare indietro".

L'estate 2006 degli Yo La Tengo è iniziata con il botto.
Un tour europeo (ed italiano) che ha raccolto consensi ovunque, un nuovo album previsto per settembre e che si candida da subito a ricevere il premio per il titolo dell'anno ("I'm Not Afraid Of You and I Will Beat Your Ass").
Una nuova canzone ascoltabile in anteprima sul loro sito ufficiale (Beanbag Chair), ed un disco di cover nato nel 1996 e reso disponibile solo ora e solo tramite Internet.
"Yo La Tengo Is Murdering The Classics" è la dimostrazione lampante di come sia possibile affermare un'identità anche appropriandosi di quella altrui.
Come un serial killer in un romanzo di quart'ordine.
Ira, James e Georgia entrano a gamba tesa sulla storia del rock e la plasmano a loro modo, marchiando a fuoco anche canzoni scolpite da tempo immemore nella memoria collettiva.
Sono i nostri Velvet Underground.
Come e più dei Sonic Youth.



Ascolta: Sweet Dreams (Are Made of This).

L'intera tracklist è visionabile (e scaricabile) su Una Piel De Astracan.

1 Comments:

Anonymous grahamcoxon said...

ho visionato, ho scaricato ed ascoltato. ;) thanks

1:49 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale