Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



giovedì, luglio 27, 2006

Letture estive ("Vieni qui che io lo so che cos'è Barbie e il rock and roll...")


Perversione.
Secondo il dizionario: " Distorsione perversa di una tendenza, di un istinto, di un impulso, di un pensiero o di un comportamento che di per sé sarebbe normale: p. del gusto, del senso estetico".
Secondo me, invece, è quel meccanismo che mi porta a dare spazio e concedere attenzione a cose che andrebbero ignorate. Peggio ancora, sepolte e dimenticate.
La consapevolezza che una porcata è una porcata è una porcata, ma nonostante tutto non riuscire a staccarle gli occhi di dosso.

Per farla breve: qualche settimana fa mi sono imbattuto per puro caso in un sito Internet.
L'ho guardato per un po' e poi l'ho chiuso.
Ci sono tornato diverse volte. Tantissime.
Talmente tante che ho finito per leggerlo tutto.
Così, senza capire bene perché.
E' diventato la mia nuova droga preferita.

Non è la Rai-Dieci anni dopo è il sito dedicato all'epopea dorata di Non è la Rai e delle ragazze che animavano il programma.
Chiunque sia stato tredicenne nel 1993, ma anche gli altri, sa sicuramente di cosa sto parlando e non può ignorare l'impatto devastante della creatura di Gianni Boncompagni e Irene Ghergo sulla cultura pop di quegli anni.
Ovunque si parlava di Non è la Rai, nei giardinetti delle scuole durante la ricreazione e nei salotti bene del paese. Realtà diverse accumulate da un unico denominatore: l'auricolare di Ambra Angiolini. Roba da far scendere in piazza le femministe e scatenare interrogazioni parlamentari.
Ogni giorno milioni di persone, maschi in prevalenza, si incollavano davanti al televisore all'ora di pranzo solo per seguire le gesta di centinaia di ragazzine in età prepuberale impegnate a dimenarsi, cantare in playback e mettere in scena giochi che neanche alla sagra del paese.
Per non parlare di quelli che passavano giornate fuori dalle porte del Centro Palatino con la speranza di ricevere un cenno ed un autografo da una delle suddette.
Il nulla elevato a potenza. Il due di coppe che ammazza "il carico" e si porta a casa la briscola.
I Sex Pistols di casa nostra. In pratica.

Non è la Rai- Dieci anni dopo è il vero apice del revival anni novanta che da qui ai prossimi cinque anni monopolizzerà i media.
Un sito che ogni giorno si apre con la segnalazione del compleanno della ex di turno e si snoda in pagine e pagine di perle: il catalogo discografico della trasmissione (compilation, gli album originali delle ragazze, l'intera discografia di Ambra...) reso disponibile in mp3, una vasta sezione di materiale video e soprattutto un database contenente informazioni su tutte le ragazze che hanno partecipato alle varie edizioni del programma.
Da non perdere le interviste in cui vengono svelati alcuni segreti del dorato mondo dello showbiz (persone che ancora oggi si scambiano insulti e scortesie) e vengono mostrate le ragazze per come sono e cosa fanno ora.
Un enorme crogiuolo di sogni infranti ed aspettative disilluse.
Una sfilza di "sognavo di essere Madonna e sono finita a fare la cameriera di Burger King".
Una galleria di gente che ha toccato il cielo con un dito ed è tornata sulla terra a fare i mistieri più impensabili per riuscire a rientrare nel giro oppure, semplicemente, accettando di vivere una vita forzatamente normale.
Ragazze che fanno un provino al giorno.
Ragazze che non ne fanno più.
Ragazze che hanno fatto figli ed altre che sono passate da un matrimonio all'altro.
Ragazze che sono morte.

Il grande freddo.
Cazzo.

12 Comments:

Blogger maxcar said...

e in tutto ciò Nicoletta 'Benedetta Valentini' Elmi fa la logopedista. "Che angoscia"

3:02 PM  
Blogger colas said...

eh, una navigazione carica si spleen!

3:34 PM  
Anonymous disorder said...

Presente! Anch'io della "Non è la rai generation" :D
In effetti è un post (e un link) che per una certa generazione ha l'effeto di un vaso di Pandora!

Mi ci vorrà un po' di tempo per navigarlo tutto....ehm...puoi darmi un indizio su (imbarazzo, e qui sono serio) "non ce l'ha fatta" (se è davvero riportato sul sito)?

4:01 PM  
Anonymous disorder said...

Tra parentesi: ci sarebbe tutto un discorso su "l'altra metà del pubblico teenager di nonèlarai" e gli influssi malefici di tale trasmissione su tale pubblico, quando ha raggiunto la sua "pubertà sessuale"..ma per questo argomento sarei più competente io forse ;)

ora vado a leggere la biografia di Zazzeretta :D

4:05 PM  
Blogger colas said...

disorder, in realtà la prima cosa che mi ha evocato la visione di quel sito è stato il ricordo del mio compagno di scuola Afshin.
Era iraniano e passava il tempo a dipingere murales con i volti delle ragazze di non è la rai.
Ora è una donna.
Giuro.

4:46 PM  
Blogger colas said...

Per il resto, scusa ma non riesco a scrivere qui i nomi delle ragazze "che non ce l'hanno fatta".
Ma ce ne sono. giuro.

4:49 PM  
Anonymous Anonimo said...

Complimenti per la scelta della foto. Era la mia ciunnetta preferita del programma...
-nordovest

5:13 PM  
Anonymous disorder said...

Per quanto riguarda le ragazze che eccetera, capisco che non ti vada di scriverlo - e forse non è il caso.

E sul tuo compagno di scuola, è esattamente *quella* parte di pubblico a cui mi riferivo ;)

5:29 PM  
Anonymous Sterbus said...

Beh, io e tre miei amici andammo una volta all'epoca al palatino (benché io non fossi uno di quelli che quardava non è la rai,né x-files, né bertoldo, bertoldino e cacasenno), ma entrando a villa celimontana trovammo un gattino abbandonato che non ce la faceva a muoversi.
"Regaliamolo a Miriana" , disse Yari, il più tenero del gruppo. Sapevamo che la bella abitava in via tuscolana, e andammo davvero il guirno dopo a portarglielo. Parlai io al citofono, che avevo la voce più bassa di tutti, rispose non lui, ma la domestica, che CI FECE SALIRE! usciti sul pianerottolo dalla porta dell'ascensore cìera lei, sulla porta, in vestaglia, che ci saluta, mentre i nostri testosteroni come (fill the blank space).

"mi dispiace, non posso tenerlo...grazie del pensiero però..."
A noi andava bene così.

(e il giorno dopo il gatto era in una bottiglia)

5:30 PM  
Blogger Enver said...

tre risposte possibili.

a) "Non è la Rai- Dieci anni dopo è il vero apice del revival anni novanta che da qui ai prossimi cinque anni monopolizzerà i media." ciò mi inquieta abbestia

b) credo che un cd o una cassetta di NELR dovrei avercelo da qualche parte, preso in mercatino dell'usato a un euro (Luca, Luca, Luca, dove sei adesso, cosa ti è successo?)

c) minchia, Ilaria.

10:58 PM  
Anonymous Laly said...

Beh che dire... mi son imbattuta in questo blog guardando le provenienze del mio counter.... Sono contenta ke il sito, bene o male, vi piaccia.. o ke comunque via abbia tenuti x un po' con gli occhi attaccati al monitor e la mano sul mouse.... (oddio cosi si potrebbe pure pensar male!!!)

12:27 AM  
Anonymous sarak said...

Io appartengo alla generazione Drive In, quindi Non E' La Rai non lo vedevo perché oramai già avevo le palle piene di merda... tra l'altro trovavo quelle ragazzine odiose e non me ne piaceva manco una!
Peccato che qualcuna sia rimasta ancora in giro.

8:18 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale