Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



domenica, dicembre 10, 2006

I got thirteen hours to burn and I'm gonna stay up all night



La leggenda vuole che gli Afghan Whigs si siano conosciuti nel carcere dove erano stati rinchiusi per colpa dei postumi di una notte brava di un paio di (futuri) membri del gruppo.
Finire, all'alba, in un commissariato di polizia la serata iniziata proprio con un concerto della nuova band di Mr Dulli (i Twilight Singers), per l'occasione accompagnati da Mark Lanegan, è qualcosa che suona quasi come la quadratura di un cerchio.
La follia della polizia che entra in una casa dove si sta svolgendo una festa e si porta via uno degli invitati (nota per la mamma: tranquilla, non è successo a me, ma ad un amico), invece non è nè la quadratura di un niente, né una casualità.
E' solo una di quelle piccole cose che capitano in un piccolo paese come è il nostro.

Per il resto: il repertorio dei Twilight Singers non mi ha mai fatto impazzire, ma il modo in cui Greg Dulli calca il palco, l'energia che spende e quello che comunica, rendono qualunque suo live un'esperienza irrinunciabile. Vederlo agitarsi come un ragazzino, buttarsi in ginocchio alla maniera di James Brown, mulinare le braccia, è un qualcosa che ripaga di tutte le indie band "emotovamente stitiche" che calcano i palchi di questi tempi.
Lanegan è sempre Lanegan. Anche quando canta al suo peggio è migliore di qualsiasi altro. Uno spettacolo vero.
E poi c'è la sorpresa: una canzone che mi ritrovo a cantare senza riconoscerla veramente, solo perché le parole mi risuonano in testa.
Ci vogliono cinque minuti (per noi) a capire tutto.
Non era un pezzo di Lanegan o degli Screaming Trees, nè dei Twilight Singers o degli Afghan Whigs.
Era un pezzo dei Tv On the Radio.
Il migliore del loro ultimo disco.
Questo: Wolf Like Me (The Twilight Singers).

(La foto, denominata simpaticamente "Dulli does the bocca pauvcina", è di Daniele Bianchi).

Ps: Ad Alberto D'Aguanno devo (indirettamente) il più bel titolo di tutta la mia vita bloggara. Mi stava simpatico. Buon viaggio.

4 Comments:

Anonymous Strueia said...

chissà...poteva formarsi un altro gruppo !

12:47 PM  
Blogger Mr. Onward Toward said...

dai, secondo me il poliziotto è impazzito perché il duca gli avrà detto "tu lo conosci quel pezzo... sarah records... quello che fa... mmmmm-mmmmm-mmmmm-"

1:15 PM  
Anonymous Anonimo said...

gran concerto sabato!

3:50 PM  
Anonymous Anonimo said...

Che due coglioni gregg dulli, adesso ci subiremo una reunion degli afghan whigs e la mega band twilight singers + mark lanegan, gutter twins che dovrebbe finalmente uscire l'anno prossimo.
Il ritorno dei morti viventi.
Mah!

6:55 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale