Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



venerdì, dicembre 15, 2006

Trentaduemilasei ("la classifica barzotta")

25-21

The Thermals

The Body, the Blood, the Machine


La vera forza del rock and roll, rispetto tutti gli altri generi musicali, è la spontaneità.
La capacità di riuscire a comunicare tutto e subito, coinvolgendo, oltre alla testa e il cuore, anche il fisico. I Thermals sono in giro da un bel po', vengono da Portland ed incidono per la Sub Pop.
Probabilmente non lasceranno mai un segno, ma il loro ultimo disco, prodotto da Brendan Canty dei Fugazi, si fa ascoltare e ballare con piacere.
Quando s'impegnano, se s'impegnano, ricordano i Pixies.
Ed è per questo che sono in classifica. Al posto dei Raconteurs

Think About Life
S/T


Questo disco finisce in classifica non so bene neanche io perché.
E' un disco imperfetto, con canzoni non sempre all'altezza e una ricerca della stranezza a tutti costi che finisce per apparire forzata.
Però mi piace, e forse proprio per colpa dei suoi difetti.
Sono in tre e sono amichetti dei Wolf Parade. Si divertono con synth e tastiere da cui tirano fuori drone e suoni sporchi, poi c'è anche una batteria.
Tutti e tre cantano.
Fanno un genere indefinibile, quando va bene flirtano con l'hip hop, quando va male cercano di fare pop in una maniera che esiste solo nelle loro teste.

Oneida

Happy New Year


Gli Oneida mi stanno sul cazzo. Non li sopporto.
Sono anni che li aspetto al varco: non è possibile che facciano un disco l'anno ed ogni volta miriadi di "critici" ed ascoltatori non aspettino di meglio per calarsi le braghe e celebrarli.
Mi stanno sul cazzo per tutto quello che rappresentano: la manna dal cielo per gli Scaruffiani, il gruppo da nominare per sentirsi fighi, "alternativi" e intellettuali.
Li aspetto al varco, dicevo, ma loro mi fottono sempre.
Questo disco è grandioso, leggermente più pop dei precedenti ed ancora più aperto alla psichedelia.
Mi stanno sul cazzo, non li sopporto... ma li amo alla follia.

Riccardo Sinigallia
Incontri a metà strada


Ho sempre stimato Riccardo Sinigallia, anche se non l'ho mai seguito con attenzione.
Colpa di un'antica antipatia verso un certo tipo di romanità in musica.
Un preconcetto che mi spinge a guardare con sospetto tutta quella scena "Localara" che negli anni'90 dominava la città e che poi si è un po' persa per strada.
Nonostante tutto: "Incontri a metà strada" è un disco che vale. E molto.
Il disco di un cantautore vero, uno dei pochi che dedica anche attenzione ai suoni e agli "ambienti". Non solo alle parole.

Minus 5
S/T (The Gun Album)


Questo disco è uno scherzo.
Come quello dei Loose Fur è il frutto di un progetto a tempo perso.
Quello di Scott McCaughey, Ken Stringfellow, Peter Buck e, da un po' di tempo, il solito Jeff Tweedy.
Un album "minore". Un tributo agli anni '60 dei Beatles e alla musica Americana (intesa come genere, ma anche come provenienza geografica).
Pop, molto pop. Per questo mi piace.
Come "Another Fine Day" dei Golden Smog.
Un posto in classifica che vale due.

[continua]

7 Comments:

Anonymous soundverite said...

bello the thermals e ottima sub pop quest'anno.

10:34 AM  
Blogger colas said...

infatti mi sono reso conto che di dischi sub pop in classifica ce ne saranno un po'.
E la cosa bella è che rispetto al 2005 (e al 2007), i pezzi grossi dell'etichetta (mudhoney esclusi) sono stati tutti fermi

10:41 AM  
Anonymous Anonimo said...

D'accordissimo sugli Oneida!

12:41 PM  
Anonymous subliminalpop said...

Su Sinigallia dici delle cose giuste che condivido, ma Minus 5 proprio no: piatto.

3:38 PM  
Blogger colas said...

di maniera magari, ma lo è volutamente.
Oh, poi i gusti son gusti, per dire... io non sopporto il reggae:D

4:22 PM  
Anonymous subliminalpop said...

ahahaha

;)

4:45 PM  
Anonymous Sterbus said...

I golden smog sono piaciuti molto anche a me, così come i loose fur, il basso di o'rourke è ispiratissimo su tutti i pezzi.
Però crederò che controllerò bene gli Shins, non li conosco...

5:59 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale