Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



lunedì, gennaio 29, 2007

Command & Conqueror

Once upon a time we were metallari.
A modo nostro. Senza i jeans stretti ed il chiodo, ma metallari lo stesso. Metallari davvero.
Al punto di avere Iron Maiden scritto sul diario e comprare, per cinque minuti, riviste come Metal Hammer e Metal Shock (e qui ci sarebbe da parlare per ore. Le riviste metal hanno sempre la parola "metal" nel titolo, le riviste metal sono sempre scritte da giornalisti con pseudonimi assurdi, le riviste metal hanno - avevano - una concezione della lingua italiana tutta loro. Una via di mezzo tra Gadda e Pippo Franco).
We were metallari, ma con una forte repulsione verso il metal classico.
Odio pieno per quei cantanti che al confronto I cugini di campagna sono baritoni, odio pieno per i gorgheggi, per le spade e per i dragoni. E per John Petrucci.
Il metal che piaceva a noi era heavy per davvero, pesante, cacofonico, indigesto.
Era metal che faceva schifo ai metallari.
Quello dei Brutal Truth e dei Meshuggah, dei Carcass e dei Napalm Death.

I Napalm Death. Una macchina da guerra.
Nel 1994 la loro carriera era in fase discendente, ma era iniziata in un modo per cui il fatto di riuscire a campare più o meno di rendita non era per niente una colpa. Era giusto.
"Scum", il loro primo album, era uscito nel 1987.
Chiunque abbia dimestichezza con le dinamiche che animano il rock (ed i suoi infiniti sottogeneri) sa che la sincerità non paga. La mistica necessaria a sedurre il pubblico si crea e si alimenta di altre cose, ma non di sincerità.
I Napalm Death se ne fregavano. Il loro primo disco si chiama "Scum" ed è esattamente quello che dice di essere. "Monnezza". Feccia.
Un vero e proprio sputo in faccia. Un disco punk (sì, punk) suonato nella maniera più fetida possibile, sopra le righe, violento, con un cantato al limite tra il rutto e l'enfisema.
Inascoltabile. Meravigliosamente inascoltabile.
Chiaro fin dal nome, un po' come conversare con una ragazza che al momento di presentarsi ti ha apostrofato in questo modo: "Ciao, mi chiamo Chiara e non te la darò mai".

La mente dietro quei Napalm Death (ad essere corretti, una delle...) era Justin K Broadrick, chitarrista del gruppo, ma soprattutto musicista sempre in movimento ed in costante inseguimento delle sue idee.
Per questo motivo ad un certo punto decise di abbandonare il gruppo e dedicarsi anima e corpo alla sua nuova creatura. I Godflesh.
Un nome che, anche se non sembra, fa rima con industrial.
Ma non solo: si inventa remixer, con i Techno Animal offre la sua personale (personalissima) visione dell'hip hop, apre un'etichetta, e si lancia in mille altri progetti.
Uno di questi, quello principale, sono i Jesu.

Mi è capitato di vederli dal vivo, i Jesu, due anni fa a Barcellona. Oddio, in realtà mi è capitato di vedere dal vivo l'ultimo pezzo del loro concerto, mentre aspettavo che iniziassero gli Isis, comunque abbastanza per restarne colpito ed incuriosito.
La parola "metal", nelle recensioni dei Jesu, non manca mai.
Sentendoli suonare, invece, ti viene il dubbio che forse quella parola non c'entri poi tantissimo.
O c'entra come almeno mille altre: post rock, ambient, noise... continuate voi, tanto c'è spazio.
Ammetto di non aver seguito con attenzione la carriera discografica dei Jesu, ma quando, alla fine di dicembre, mi sono imbattuto in "Conqueror" è stato amore a prima vista.
Il bello di un disco del genere sta proprio nella sua assoluta non inquadrabilità, nel costante muoversi in bilico tra sfumature diverse, nel ricercare ed ottenere l'assenza di un colore,e un suono, primario. Portante.
Ogni elemento sembra scontrarsi con un altro: le voci riverberate e le distorsioni "cattive", le linee vocali "spezzettate"e sezione ritmica metronomica. Tutti contro tutti. Tutti insieme.

"Conqueror" è il disco che ti aspetteresti da un Kevin Shields con un background differente.
L'ha fatto Justin Broadrick.
Ed anche lui si guarda le scarpe. Anche se sono degli anfibi.



Jesu - Conqueror (title track).

13 Comments:

Blogger Mr. Onward Toward said...

Nei Napalm Death di Scum militavano, oltre Broadrick, Bill Steer (creatore e mente dei Carcass, Descanting The Insalobrious disco più accessibile e più se vuoi 'pop'. Prima di questo il mitico Reek Of Putrefaction e a seguire Symphonies Of Sickness...),Lee Dorian (creatore dei Cathedral. Forest Of Equilibrium il loro primo, e più interessante prodotto)e il grandioso Mick Harris, poi protagonista di progetti quali Scorn, Painkiller e migliaia di altri progetti d'avanguardia che fai prima a vedere 'sto link (http://www.mickharris.net/discography/).

Poi, più che i rispettivi meriti di ognuno dei Napalm e di quanto possano aver singolarmente contribuito a certi generi (vedi i Godflesh per il versante industrial/techno/rave e vattelappesca, l'attenzione dovrebbe essere concentrata sull'etichetta che poi radunava tutte queste creazioni, ma non solo. La Earache Records, una delle più grandi e coraggiose Indie (ma veramente, mica pizza e fichi vote for us breaking puzza), che passava dai Sonicyouttosi Fudge Tunnel fino agli Entombed (leggi- Storia del del Death Metal) passando per John Zorn e i Clock Dva.

OH!

(scusa la parlantina, ma al lavoro le ore non passano mai...)


peter t.

4:43 PM  
Blogger TS said...

Bella lì.
Conqueror è un discone e i Jesu un gruppone - ora anche dal vivo (all'inizio mica tanto).
Forza Broadrick. http://justinkbroadrick.blogspot.com/

5:03 PM  
Blogger Mr. Onward Toward said...

altre info su earache records (ma chi lo ha scritto è un pò di parte) su http://www.furious.com/perfect/grindcore.html


altrimenti, un 'intervista a Digby Pearson, creatore della Earache REcords, su

http://www.tranjka.net/articles/v1i2/features/earache.html

Ps:
e poi, come dimenticare i Bolt Thrower...

5:07 PM  
Blogger Mr. Onward Toward said...

scusa poi la smetto qui...

Io di questo ci faccio la maglietta!



Mucopurulent organs digested in sepsis
Mucolysifying, rancidifying as you eat your own cysts
Putrefying your pyorrhoea - infested corpse excretes away
Expelling pyuria and septic goitrous membrane

5:13 PM  
Blogger Cosucce Psicotrope said...

napalm death+carcass+earache= TUTTA LA MIA ADOLESCENZA.

Adorazione e rispetto assoluti per i Napalm, a tutt'oggi un gruppo onestissimo, che dopo 20 anni di carriera e dopo aver inventato il grind core, si fa ancora i tour in mezzo mondo ,suonando nei peggio buchi e semi-gratis.

Poi secondo me tutto quello che i Napalm hanno "figliato" è degno di nota...per esempio chi si ricorda degli Scorn?

Bellissimo post, grazie!

10:54 PM  
Blogger TS said...

i oi Bolt Thrower me li dimenticherei
ma della Earache citerei At The Gates & Cathedral - fondamentali entrambi.
Con l'ultimo disco dei primi ci han fatto trecento dischi "hardcore" in USA negli ultimi 5 anni. Coi Cathedral le camicie della Caritas diventarono METAL!!!!!!

11:31 AM  
Blogger Mr. Onward Toward said...

Ma gli At the Gates hanno fatto solo successivamente parte della storia Earache. Comunque, uno dei migliori gruppi della scena svedese, se non -ad un certo punto, con la doppietta The Red In The Sky Is Ours e With Fear I Kiss The Burning Darkness- il migliore (tolti i puristi tipo Unleashed)

Comunque, per chiunque fosse interessato ad una sintesi della gloriosa Earache, consiglio di scaricare/comprare, Grindcrusher II, the ultimate earache, seconda compilation della label, che offre un'ampio sguardo sui molteplici fronti sui quali si muoveva Digby Pearson.

Nella compilation trovate tutto il catalogo relativo all'anno di pubblicazione (che purtroppo ora mi sfugge, ma sarà tipo 89): Dai Napalm Death ai Carcass, dai Lawnmower Deth fino ai fantastici Sore Throat, dai Naked City (john zorn...) fino ai clock dva, dai Bolt Thrower fino ai Godflesh e via dicendo...


Chiunque si schieri contro i Bolt Thrower è mio nemico ;-)

1:36 PM  
Blogger Cosucce Psicotrope said...

ma perchè grind crusher II e non il primo? secondo me è sul primo che ci si trova tutta la "meglio" scena estrema di quel periodo (fine 80/primi 90)!!

3:11 PM  
Blogger Mr. Onward Toward said...

la seconda e' piu' completa per uno sguardo d'insieme sulle diversissime strade che la earache
aveva intrapreso.
Poi dipende dal tipo di interesse che ognuno ha: la prima e' piu' votata al grindcore nudo e puro e al death nelle sue varie forme; unica eccezione i godflesh!

Ecco la tracklist:

1. Chapel Of Ghouls (Morbid Angel)
2. Radiation Sickness (Repulsion)
3. Exhume To Consume (Carcass)
4. Streetcleaner (Godflesh)
5. Dead Shall Rise (Terrorizer)
6. Through The Eye Of Terror (Bolt Thrower)
7. The Missing Link (Napalm Death)
8. BC/AD (Nocturnus)
9. Party & Fight For Your Right (Filthy Christians)

4:04 PM  
Blogger Mr. Onward Toward said...

dimenticavo la tracklist della 2:

1 Morbid Angel - Chapel of Ghouls
2 Repulsion - Radiation Sickness
3 Carcass - Exhume To Consume
4 Godflesh - Streetcleaner
5 Terrorizer - Dead Shall Rise
6 Hellbastard - Justly Executed
7 Carnage - Malignant Epitaph
8 Naked City - Osaka Bondage
9 Filthy Christians - Extremely Bad Breath
10 O.L.D. - Colostomy Grab-Bag
11 Intense Degree - I've Got A Cure
12 Sore Throat - Horrendify And Kill
13 Napalm Death - Malicious Intent
14 Entombed - But Life Goes On
15 Nocturnus - BC/AD
16 Bolt Thrower - World Eater
17 Lawnmower Deth - Satan's Trampoline
18 Cadaver - Hypertrophian
19 Sweet Tooth - Fat City
20 Mighty Force - Thrashing a Dead House
21 Spazztic Blurr - He-Not-A-Home-Me-Marco
22 Heresy - Release
23 Unseen Terror - Divisions
24 Napalm Death - You Suffer

4:14 PM  
Anonymous Coseacaso said...

Fraternamente ti dico e provo anche piacere nel dirlo data la mia anima epic-power-metal alla Pino Scotto che tu, come Nordovest e Max La Pop non capite un cazzo di musica. Siete dei massimalisti del cazzo del rock e tutto quello che ascoltate fa schifo (che poi lo ascolti anche io non fa testo).
W i Manowar, i Blind Guardian e tutti quei cantanti che superano l'estensione vocale degli ultrasuoni.

Cordialmente

Coseacaso

5:29 PM  
Blogger Mr. Onward Toward said...

aaaaahhahahahha

allora hai dimenticato Ronnie James Dio e gli Helloween!!!

12:56 PM  
Blogger daviz said...

io sono cresciuto con la earache!
era una roba grandiosa e insana..ma il tempo mi ha dato ragione
ditemi adesso cosa si salva della roba attuale.
aspetto commenti

9:38 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale