Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



sabato, febbraio 24, 2007

Now here we go! (La prima volta fa sempre male...)

C'è un qualcosa di irrazionale nel fanatismo. Qualcosa che non si può spiegare a parole e che è difficile anche da mettere per iscritto. Qualcosa che mette in imbarazzo, e che al tempo stesso fa sentire emotivamente vivi. A quindici anni, come a ventisette.
Per cui: il nuovo film del tuo regista preferito non sarà mai un film "normale", il nuovo disco degli R.E.M. non sarà mai solo il nuovo disco degli R.E.M. e così via, fino ad esaurimento di tutte quelle piccole passioni che sembrano insignificanti, ed invece hanno il merito di tirare fuori tutta una vasta gamma di sensazioni e pulsioni che non hanno niente a che vedere con i meriti artistici dell'opera analizzata (il nuovo film del tuo regista preferito può essere brutto almeno quanto un nuovo disco degli R.E.M. può essere bruttissimo), ma che, volenti e nolenti, finiscono per smuovere qualcosa e lasciare un segno. La storia di Proust e delle madeleine, in parole povere.

E' ormai passato qualche giorno (verrebbe da essere precisi e quantificare il tempo in ore/minuti/secondi) da quando il nuovo album dei Modest Mouse è stato reso disponibile al pubblico della rete. Qualche giorno in cui tutto il range delle opinioni possibili è stato utilizzato per spiegare a terzi i perché e i percome di questa o quella canzone. A tal punto che, nonostante tra l'album e la sua data effettiva di pubblicazione manchi quasi un mesetto, sembra ormai essere un argomento dell'altro ieri. Onori ed oneri dell'arte vissuta a dodici megabyte al secondo.
Non sono un gruppo tra i tanti, i Modest Mouse. Un loro nuovo album è una notizia che non può lasciare indifferenti. Quando per qualche ragione si è deciso di farseli piacere è come se si fosse accettato un vincolo con un suono ed un'estica totalizzante che prende e marchia a fuoco ogni piccolo aspetto di un loro lavoro. Dal modo in cui sono usate le voci, alle chitarre, alle parole. E così via. Ci si riconosce dentro un disco dei Modest Mouse. E' questo il punto.

Per cui fa strano accedere per la prima volta a "We Were Dead Before the Ship Even Sank", spingere il tasto play e sentire come sia proprio la sicurezza degli oggetti (in questo caso note, accordi e melodie) ad essere il primo vero grande limite di un album come questo.
Tutto è chiaro da subito, fin dall'attacco di Invisible, la traccia d'apertura.
Le chitarrine insistenti, il basso potente, la voce urlata e sincopata, il suono rotondo, compatto, pulito quasi... tutto come dovrebbe essere. Tutto come è già stato.
"We Were Dead" è "Good News" tre anni dopo "Good News", senza le stranezze e le canzoni di "Good News", ma con Johnny "quel Johnny" Marr in più e James "Shins" Mercer nascosto nei cori e sepolto tra le chitarre.
Per andare avanti nella fruizione e lasciarsi "tirare dentro" da un disco così, è necessario mettere da parte le aspettative ed accettare che ogni tanto le cose possano funzionare senza per forza cambiare le carte in gioco e ripartire sempre come se fosse la prima volta. Ché dopo un "OK Computer", non sempre c'è un "Kid A". Anche se si è stati abituati bene. Benissimo.

E' con il passare degli ascolti, che si comprende "We Were Dead Before the Ship Even Sank" e si accetta per quello che è: un buon disco, pieno di buone canzoni, con una prima metà sottotono (se si escludono i quasi otto minuti di Spitting Venom ed Education), ed una seconda decisamente più convincente. A partire dagli episodi più tipicamente pop (la corale Missed the Boat, Fire it Up, We Got Everything) fino ad arrivare a Parting of the Sensory, il punto più alto dell'intero lavoro, che riparte da dove si era fermato Ugly Casanova (lo spin-off di Isaac Brock). Dove i Modestopo giocano con la tradizione americana (quella del country e delle radici) e la plasmano a loro piacimento, esaltandone l'aspetto più puramente emotivo e stravolgendone quello formale.
Chiudono il discorso Dashboard, il primo singolo, "facile" e clashiano, e March into the Sea.
La classica "ultima canzone" (nell'accezione Modest Mouse della definizione) di un album che non sconvolge i sensi, ma che si lascia "sentire" (che è diverso da "ascoltare") con piacere.
E come dice il saggio: "Chi si accontenta gode. Così, così."



Ascolta: March into the Sea
Guarda: Fire it Up (dal vivo)

Bonus Track: Shake Yer (Modest Mouse, Shins e Black Heart Procession alle prese con un video dei Beastie Boys)

7 Comments:

Anonymous Anonimo said...

a me è piaciuto molto. e' un disco molto completo. Non hai parlato per niente di Johnny Marr, com'è?
c.

7:32 PM  
Anonymous Anonimo said...

johnny marr dovrebbe tornare a lavare i vetri a manchester o da dovunque venga.


Militia Mouse

10:03 PM  
Anonymous Anonimo said...

Il piacere del 'sentire'..già. Forse hai ragione: non un passo in avanti ma un saldo, potente, compatto riaffermare i propri -conquistati e meritati- punti di forza. Su Marr mi ripeto: uno che riesce ad 'adeguarsi' al suono di una band facendosi comunque sentire in parecchi -splendidi- momenti, è una musicista immenso. Gusto e stile. Classe, nell'affiancare caratterizzando.
Io scommetterei -già da ora- un bel po' di soldini sul prossimo. E intanto mi godo questo gran bel lavoro.

TheSadPandas

11:39 AM  
Anonymous Luca said...

ti segnalo che uno tra me e te ha la tracklist al contrario... il web sembra dare ragione alla mia, a quanto ho visto.

2:17 PM  
Blogger colas said...

la ragione sta nel mezzo, alcuni dicono che è giusta la mia, alcuni la tua. iTunes però i pezzi li tagga così.
Lo scopriremo quando sarà il momento (certo che il disco con l'ordine mio fila un bel po' nell'altro, se ci pensi, è strano)

2:22 PM  
Blogger colas said...

Ok, sia io che iTunes ci sbagliamo
http://en.wikipedia.org/wiki/We_Were_Dead_Before_the_Ship_Even_Sank#Tracklist

2:25 PM  
Blogger dhinus said...

concordo al 101% con il tuo post. dopo good news era lecito aspettarsi l'equivalente di un kid a, invece we were dead è "solo" un buon disco, senza troppe novità. forse un po' più stratificato, ma il bello del precedente era anche l'essere spesso alquanto scarno eppure così efficace.

2:10 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale