Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



mercoledì, ottobre 17, 2007

Young People



Nell'ultimo biennio sono usciti più album di Neil Young che candidati alle primarie del partito democratico.
Ovviamente, volendo fare i "perfettisti", si potrebbe sindacare sulla natura di questi dischi e lo stato in cui versa la creatività del buon Nello (sempre odiato chi lo chiama così, come chi lo chiama "looner").
Dopo "Prairie Wind" ha dato alle stampe: tre live (uno "nuovo", gli altri bellissimi e vecchi), "Living With War" e la sua versione nuda e cruda "Living With War in the Beginning".
Il tutto senza contare l'ombra del mega cofanetto (8 CD più 2 DVD) che ormai è atteso dagli appassionati di rock almeno quanto il primo anal di Elena Grimaldi da quelli del porno.
Ora c'è "Chrome Dreams II", seguito di un numero uno mai pubblicato (una fissazione di Neil Young questa, anche il suo "Live Archive" è partito dal numero due).
Ed ancora una volta non si tratta di un disco nuovo nuovo, ma di ripescaggio di un album mai pubblicato ("Chrome Dreams", appunto, del 1977) registrato nuovamente e con l'aggiunta di nuove canzoni.
A volerla sparare grossa: lo "Smile" di Neil Young.
Ovviamente non è così. Ma non importa.
"Chrome Dreams II" non è un capolavoro, ma si lascia ascoltare piacevolmente.
E' onesto e sincero. Come può essere onesto e sincero un uomo che fa canzoni in cui, per diciotto minuti, vengono ripetuti i primi quattro minuti. Così, con leggerezza.
E poi arriva The Way, che non so se è nuova o vecchia, ma è bellissima. Commovente.
I Polyphonic Spree (tutti e ventiquattro) potrebbero uccidere per una canzone così.

Neil Young, invece, con una naturalezza stupefacente, la butta lì e la usa per chiudere il suo ennesimo disco del 2007. Nel frattempo si prepara ad andare in tour, mentre programma una nuova uscita discografica (eh sì).
Un'altra dal vivo. Un'altra acustica, questa volta del periodo Buffalo Springfield.

Ascolta: Neil Young - The Way
Neil Young - No Hidden Path

5 Comments:

Anonymous Anonimo said...

quanto sei vecchio
:)
S*

11:54 PM  
Anonymous onanrecords said...

E a me che piacciono i 18 minuti di Ordinary People?

2:42 PM  
Blogger colas said...

a me fAnno impazzire i 18 minuti

3:10 PM  
Anonymous Anonimo said...

ho scritto un nuovo post come quelli vecchi. lungo verboso merdoso e sfigato.

nora

7:04 PM  
Blogger colas said...

eheheheh.
L'ho letto e commentato.
:D

10:44 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale