Primavera Sound 2005 Report (LT 07 Preview)
Stephen Malkmus - Home Alone (LT 06)
Adam Green - American Idol (LT 05)
Low... forever changes (LT 05)
Revisionismi: J Mascis - Martin And Me (LT 05)
Sono un ribelle, mamma (Write Up n.2)
Tra le pareti (www.julieshaircut.com)
Broken Social Scene: all in the family (LT04)
Revisionismi:Weezer-Pinkerton (LT04)
Le parole che non ti ho detto (MarieClaire feb 05)
Revisionismi: Scisma-Armstrong (LT03)
Meg: essenza multiforme (LT03)
Greg Dulli e Manuel Agnelli: Matrimonio all'italiana (LT03)
American Music Club e R.E.M.- Once were warriors (LT03)
La lunga estate dei folletti (LT02)
Not tomorrow!No manana!Today! (LT02)
Blonde Redhead sulle ali della farfalla (LT01)
Oltre la traversa (Il Mucchio Selvaggio 2002/2003)


Weeds



martedì, dicembre 11, 2007

L'assolo di batteria di Moby Dick mi ha sempre rotto i coglioni!

Da giorni avverto uno strando dolore al collo.
Ho pensato fosse cervicale. E probabilmente è così.
Resta il fatto che da sabato io sto vivendo in uno stato definibile simile a quello dell'ubriaco in attesa di collassare.
La spiego meglio: la presunta cervicale mi causa un giramento continuo di testa.
Mi sembra di essere una specie di Mr Magoo senza bombetta e con gli occhiali meno spessi.
Ed il bello è che neanche lui ha nessuna di queste due cose.

Purtroppo ho la tendenza a cercare motivazioni impossibili per giustificare qualsiasi cosa mi succeda.
E la motivazione per il malessere di questi giorni è solo una: la reunion dei Led Zeppelin (ed un vaccino contro l'influenza fatto quando non ero proprio al massimo della forma).
I Led Zeppelin non dovevano riunirsi.
O forse anche sì, tanto chi se ne frega. Tanto noi non saremo mai tra quelli in grado di spendere centomilaeuro per un biglietto di concerto e poi i sorteggi mi portano sfiga.
Nel senso che non vinco mai un cazzo.
Cioè: una volta ho vinto un portachiavi di dubbio gusto, ma faccio fatica ad associarlo al concetto di premio.
Anche se, effettivamente, la prima regola del bravo blogger dice di millantare "successo" e rendere significativa ogni cosa che normalmente sarebbe giudicata come una cazzatina.
Per cui: fierissimo del mio portachiavi di dubbio gusto, torno indietro di qualche riga (come dice sempre Lapo Elkann) e vi sbatto in faccia il mio menefreghismo per la reunion dei Led Zeppelin.
Ed il disappunto per la mia cervicale.

Parliamoci chiaro: la reunion one night only ha sempre il suo fascino.
Fascino che decade quando, ancora prima di salire con le pancere sul palco, si avverte il rumore delle monete che cadono dentro al corpo del musicista per tutto quello che avverrà subito dopo.
Robert Plant è un salvadanio. Un porcellino con un buco sotto.
Una porcellino con i capelli del Mago G Galbusera.
E non metto in dubbio che il concerto sia stato bellissimo, riuscito ed epocale.
Ma sono anni che guardando quei loschi figuri vedo i Cugini di Campagna. E non posso farci niente.
Da quando Page si è trasformato nel meme di un parucchiere attempato?
Una specie di simulacro vivente di un qualsiasi Coffeur Renato.
E perché c'è Brian Wilson al posto di John Paul Jones?
Soprattutto: io non riesco a guardare Plant nello stesso modo da quando, una decina d'anni fa, Max Stèfani ha scritto sul Mucchio di aver beccato il buon Robert nell'atto di incaprettarsi un tecnico Rai in una delle roulotte nel backstage del Concerto del Primo Maggio.
Cioè, niente in contrario sull'atto in sé (anche io m'ingroppo sempre i tecnici della Rai), ma a tutto c'è un limite. E farlo davanti a Stèfani mi pare davvero troppo.

Il vero dramma umano, quello che mi preoccupa di più e mi crea imbarazzo, è per il figlio di Bonzo. Ho paura che più si andrà avanti con il tempo e più ci troveremo davanti a queste strane fecondazioni assistite. Figli che prendono il posto dei padri e che vivono perennemente nell'ombra dei genitori.
Insomma: i gradi di separazione tra Piersilvio Berlusconi ed il figlio di Bonzo (che si chiama "Figlio di Bonzo") sono molti, ma veramente molti, meno di sei.

Daniele dice che forse ho una roba reumatica. E dice anche che io faccio una vita troppo sedentaria.
Non è vero. Ho la tessera della piscina. La porto sempre nel portafoglio, ma ancora non ha dato benefici.
Insomma: sono più vecchio io di tutti gli Zeppelin messi insieme.
E questo è il problema.

8 Comments:

Blogger onan said...

Tranquillo, Moby Dick non la fanno.

2:31 PM  
Anonymous jammai said...

tu invece stai facendo la reunion con shoegazer!
:D

3:25 PM  
Blogger federico said...

Sei consapevole che tempo un mesetto e questo post finirà in un forum di fan dei Led Zeppelin, con tutte le conseguenze del caso? (ad esempio commenti minatori, offese, minacce, lingue felpate, miraggi...) :D

3:31 PM  
Blogger colas said...

hahah,
mi devo ancora riprendere da quello su gli smashing pumpkins.
comunque sempre viva led zeppelin (e non sono ironico)

3:36 PM  
Anonymous disorder vs blogspot said...

Azz, e pensare che c'è chi pensa di metterlo nel culo alla Rai non pagando il canone...

3:42 PM  
Anonymous countryfeedback.splinder.com said...

EEhhhh....
Che te devo dì?
C'hai ragione su tutto: dal Mago Galbusera a Brian Wilson al proto-Baglioni (Page)... questa riunione non s'aveva da fare.
Anche perchè se manca un pezzo che ti riunisci?
Sì vabbè c'è il figlio ("il figlio di Bonzo") però che c'entra?

Pare che però almeno sia andata meglio dei disastri passati (compreso l'improbabile progetto NO QUARTER UNLEDDED), ma ogni leggenda ha il suo tempo...sennò che leggenda sarebbe?

A parte tutto questo, cmq gloria sempiterna agli Zep: nessuno è stato al loro pari nei 70.

11:00 PM  
Blogger colas said...

loro SONO gli anni 70.
Sarebbe folle dire il contrario
:D

2:00 AM  
Anonymous Anonimo said...

Mi unisco al coro che incorona i dirigibili sul trono dei '70... ma lasciatemi aggiungere un PORCAMIGNOTTA!!!

Sarak

1:02 PM  

Posta un commento

<< Home

Powered by Blogger



My Feed by Atom
My Feed by RSS


Mp3 and video links posted on this site are for evaluation purposes only. If you like them, buy the CDs and support the artists. Questo blog non rappresenta alcuna testata giornalistica. Anzi, non rappresenta proprio un cazzo.

webmastra: vale